Le dieci strategie che Satana usa contro di te

Articolo di John Piper
Fondatore e insegnate di desiringGod.org

. . . affinché non siamo raggirati da Satana; infatti non ignoriamo le sue macchinazioni. –2 Corinzi 2:11

Una delle realtà più serie della vita è che tutti gli esseri umani hanno un nemico soprannaturale il cui scopo è usare il dolore e il piacere per renderci ciechi, ottusi, e miserabili, per sempre. La Bibbia lo chiama “diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo . . . l’accusatore” (Apocalisse 12:9–10), “il principe di questo mondo” (Giovanni 12:31), e “il dio di questo mondo” (2 Corinzi 4:4).

Egli è il nostro “avversario [che] va attorno come un leone ruggente cercando chi possa divorare” (1 Pietro 5:8). Eppure, nella più terribile e inconsapevole delle schiavitù, il mondo intero segue di buon grado “il principe della potenza dell’aria, quello spirito che opera oggi negli uomini ribelli” (Efesini 2:2). Al culmine del suo successo, i suoi sudditi marciano ignari verso la distruzione, portando con loro quante più persone possibile.

Il “buon combattimento” (1 Timoteo 1:18) di cui ho scritto nel libro “Awake and at War” comprende il resistere ogni giorno a questo nemico (1 Pietro 5:9; Giacomo 4:7), il rifiuto quotidiano di fargli posto (Efesini 4:27), e il non ignorare le sue macchinazioni (Efesini 6:11).

Il guinzaglio di Satana - una rovina imminente

Dio è sovrano su Satana. Il diavolo non ha mano libera in questo mondo. Egli è tenuto sotto guinzaglio, in modo che non può fare più di quello che Dio gli permette. Egli deve infatti ottenere il permesso, come nel caso di Simon Pietro, in cui Gesù rivela: “Simone, Simone, ecco, Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano” (Luca 22:31). E nel caso di Giobbe: “Il Signore disse a Satana: “Ebbene, egli è in tuo potere; soltanto rispetta la sua vita” (Giobbe 2:6).

Evidentemente Dio considera il ruolo attuale di Satana essenziale ai suoi scopi nel mondo, perché, se Dio avesse voluto, Satana sarebbe stato gettato nello stagno di fuoco ora, anziché alla fine dei tempi. “E il diavolo che le aveva sedotte fu gettato nello stagno di fuoco e . . . sarà tormentato giorno e notte, nei secoli dei secoli” (Apocalisse 20:10). La sua sconfitta definitiva si avvicina ed è certa. Ma non ancora.

Servo ignaro della nostra santificazione

Dio vuole che una vita di guerra contro l’inferno faccia parte della nostra preparazione per il cielo. Egli la definisce la “buona battaglia” (1 Timoteo 1:18) e il “buon combattimento” (1 Timoteo 6:12). E’ buono, non perché potremmo essere uccisi (e potremmo esserlo! — Apocalisse 2:10), ma perché gli scontri a fuoco affinano l’oro della nostra fede (1 Pietro 1:7), in vita e in morte.

Dio è il grande Generale in questa guerra. Egli ci ha dato il walkie-talkie della preghiera per chiedere aiuto: “Prendete . . . la spada dello Spirito, che è la parola di Dio; pregate in ogni tempo” (Efesini 6:17–18).

Egli vede dietro le linee nemiche, e conosce esattamente le strategie che saranno utilizzate contro di noi. Egli le ha trascritte in un manuale bellico “affinché non siamo raggirati da Satana”. Non saremo raggirati perché “non ignoriamo le sue macchinazioni” (2 Corinzi 2:11).

Nozioni basilari sulle strategie di Satana

Se ti serve una rinfrescata su cosa sono queste “macchinazioni”, eccone un riassunto. Che Dio faccia di te un potente guerriero! Possa egli “addestrare le mie mani al combattimento e le mie dita alla battaglia” (Salmo 144:1).

1. Satana mente, ed è il padre della menzogna.

“Quando dice il falso, parla di quel che è suo perché è bugiardo e padre della menzogna” (Giovanni 8:44). La prima volta che Satana fa la sua apparizione nella Bibbia in Genesi 3, le prime parole sulle sue labbra sono sospettose della verità (“Dio vi ha detto di non mangiare da nessun albero del giardino?”). Le seconde erano una sottile falsità (“Non morirete affatto”). Giovanni dice che Satana “non si è attenuto alla verità, perché non c’è verità in lui” (Giovanni 8:44). Ci troviamo di fronte all’essenza della falsità e dell’inganno.

2. Egli acceca le menti degli increduli.

“Il dio di questo mondo ha accecato le menti, affinché non risplenda loro la luce del vangelo della gloria di Cristo” (2 Corinzi 4:4). Non parla soltanto in modo falso. Egli nasconde ciò che è vero. Non vuole farci vedere il tesoro del vangelo. Ci permette di vederne i fatti, persino le prove, ma non la preziosità.

3. Egli si traveste di luce e di giustizia.

In 2 Corinzi 11:13–15, Paolo dice che alcune persone si atteggiano da apostoli, ma non lo sono. Lo spiega così: “Anche Satana si traveste da angelo di luce. Non è dunque cosa eccezionale se anche i suoi servitori si travestono da servitori di giustizia”.

In altre parole, Satana ha servitori che professano abbastanza verità da unirsi alla chiesa, e dal suo interno insegnano quelle che Paolo chiama “dottrine di demoni” (1 Timoteo 4:1). Gesù dice che saranno come lupi vestiti da pecore (Matteo 7:15). Atti 20:30 dice che non risparmieranno il gregge, ma condurranno le persone alla distruzione. Senza il dono divino del discernimento (Filippesi 1:9), il nostro amore sarà trasformato in stoltezza.

4. Satana compie segni e prodigi.

In 2 Tessalonicesi 2:9, gli ultimi giorni sono descritti così: “La venuta di quell’empio avrà luogo, per l’azione efficace di Satana, con ogni sorta di opere potenti, di segni e di prodigi bugiardi”. E’ un mio goffo tentativo di traduzione. Alcuni lo traducono “con falsi segni e prodigi”. Ma questa traduzione rende i segni e i prodigi irreali. Infatti, alcuni sostengono che Satana può fare solo falsi miracoli. Ne dubito. E anche se fosse vero, le sue contraffazioni saranno talmente ben fatte da sembrare vere quasi a tutti.

“Dio vuole che una vita di guerra contro l’inferno faccia parte della nostra preparazione per il cielo”.

Un motivo per cui dubito che Satana possa compiere soltanto falsi miracoli è che in Matteo 24:24 Gesù descrive gli ultimi giorni così: “Sorgeranno falsi Cristi e falsi profeti, e faranno grandi segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti”. Non c’è niente che faccia pensare che questi “segni e prodigi” saranno dei trucchi.

La tua fiducia sia fondata in qualcosa di molto più profondo di ogni presunta incapacità di Satana di compiere segni e prodigi. Anche veri segni e prodigi al servizio di asserzioni anti-cristiane, non dimostrano nulla, anche se sono fatti “nel nome di Gesù”. “Signore, Signore, non abbiamo fatto in nome tuo molte opere potenti?” Ai quali Gesù risponderà: “Io non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, malfattori!” (Matteo 7:22–23). Il problema non era che i segni e i prodigi non fossero veri, ma che erano al servizio del peccato.

5. Satana tenta le persone a peccare.

Questo è quello che fece, senza successo, con Gesù nel deserto. Voleva che egli abbandonasse il sentiero della sofferenza e dell’ubbidienza (Matteo 4:1–11). Questo è quello che fece, riuscendoci, con Giuda nelle ultime ore della vita di Gesù (Luca 22:3–6). E in 2 Corinzi 11:3, Paolo mette in guardia tutti i credenti: “Temo che, come il serpente sedusse Eva con la sua astuzia, così le vostre menti vengano corrotte e sviate dalla semplicità e dalla purezza nei riguardi di Cristo”.

6. Satana porta via la parola di Dio dai cuori delle persone e soffoca la fede.

Gesù raccontò la parabola dei quattro terreni in Marco 4:1–9. In essa, il seme della parola di Dio è seminato, e parte del seme cadde lungo la strada e gli uccelli presto lo mangiarono. Egli spiega al versetto 15: “Subito viene Satana e porta via la parola seminata in loro”. Satana porta via la parola perché odia la fede che la parola produce (Romani 10:17).

Paolo esprime la sua preoccupazione per la fede dei Tessalonicesi in questo modo: “Mandai a informarvi della vostra fede, temendo che il tentatore vi avesse tentati, e la nostra fatica fosse risultata vana” (1 Tessalonicesi 3:5). Paolo sapeva che il piano di Satana è soffocare la fede delle persone che hanno udito la parola di Dio.

7. Satana causa alcune infermità e malattie.

Una volta Gesù guarì una donna che era tutta curva e assolutamente incapace di raddrizzarsi. Quando alcuni lo criticarono per averlo fatto in giorno di sabato, egli disse: “E questa [donna], che è figlia di Abraamo, e che Satana aveva tenuto legata per ben diciotto anni, non doveva essere sciolta da questo legame in giorno di sabato?” (Luca 13:16). Gesù capì che era Satana la causa di quell’infermità.

“Dio è sovrano su Satana. Il diavolo non ha mano libera in questo mondo. Egli è tenuto al guinzaglio, e può fare solo quello che Dio gli permette”.

In Atti 10:38, Pietro descrisse Gesù come uno che è “andato dappertutto facendo del bene e guarendo tutti quelli che erano sotto il potere del diavolo”. In altre parole, spesso il diavolo opprime le persone con le malattie. Anche questa è una delle sue macchinazioni.

Ma non commettere l’errore di credere che ogni malattia sia opera del diavolo. Certo, anche quando la “spina nella carne” è il piano di Dio per la nostra santificazione, può essere causata da “un angelo di Satana” (2 Corinzi 12:7). Ma ci sono altri casi nei quali la malattia è attribuita soltanto al piano di Dio, senza riferimento a Satana: “Né lui ha peccato, né i suoi genitori; ma è così, affinché le opere di Dio siano manifestate in lui” (Giovanni 9:3). Gesù non ritiene di dover mettere Satana sul banco degli imputati per questo suo disegno benevolo.

8. Satana è un omicida.

Gesù disse a chi voleva ucciderlo: “Voi siete figli del diavolo, che è vostro padre, e volete fare i desideri del padre vostro. Egli è stato omicida fin dal principio e non si è attenuto alla verità” (Giovanni 8:44). Giovanni dice: “Non [siate] come Caino, che era dal maligno, e uccise il proprio fratello” (1 Giovanni 3:12). Gesù disse all’irreprensibile chiesa di Smirne: “Il diavolo sta per cacciare alcuni di voi in prigione . . . . Sii fedele fino alla morte e io ti darò la corona della vita” (Apocalisse 2:10).

In poche parole, Satana è assetato di sangue. Cristo è venuto nel mondo perché noi avessimo la vita, e la vita in abbondanza (Giovanni 10:10). Satana viene per distruggere la vita ovunque egli possa e renderla infine eternamente miserabile.

9. Satana si oppone ai piani dei missionari.

In 1 Tessalonicesi 2:17–18, Paolo racconta di come i suoi piani missionari furono frustrati: “Abbiamo tanto più cercato, con grande desiderio, di vedere il vostro volto. Perciò più volte abbiamo voluto … venire da voi . . . ma Satana ce lo ha impedito”. Satana odia l’evangelizzazione e il discepolato, e ostacolerà in ogni modo i missionari e delle persone che hanno zelo per evangelizzare.

10. Satana accusa i credenti davanti a Dio.

Apocalisse 12:10 dice: “Allora udii una gran voce nel cielo, che diceva: «Ora è venuta la salvezza e la potenza, il regno del nostro Dio, e il potere del suo Cristo, perché è stato gettato giù l’accusatore dei nostri fratelli, colui che giorno e notte li accusava davanti al nostro Dio»”. La sconfitta di Satana è certa. Ma le sue accuse non sono ancora terminate.

E’ la stessa cosa per noi come lo era per Giobbe. Satana dice a Dio di noi: non ti amano veramente; amano i tuoi benefici. “Stendi un po’ la tua mano, tocca quanto [possiedono], e vedrai se non ti [rinnegano] in faccia” (Giobbe 1:11). La loro fede non è vera. Satana ci accusa davanti a Dio, come fece con Giobbe. Ma la realtà gloriosa è che i seguaci di Gesù hanno un avvocato che “vive sempre per intercedere per loro” (Ebrei 7:25).

Satana non vincerà

Queste sono solo alcune delle macchinazioni di Satana. La via per vincere questa guerra è tenersi stretti a Cristo, il quale ha già inferto il colpo decisivo.

  • 1 Giovanni 3:8: “Il Figlio di Dio è stato manifestato per distruggere le opere del diavolo”.

  • Ebrei 2:14: “Poiché dunque i figli hanno in comune sangue e carne, egli pure vi ha similmente partecipato, per distruggere, con la sua morte, colui che aveva il potere sulla morte, cioè il diavolo”.

  • Colossesi 2:15: “[Dio] ha spogliato i principati e le potenze, ne ha fatto un pubblico spettacolo, trionfando su di loro per mezzo della croce”. In altre parole, il colpo decisivo è stato inferto al Calvario.

  • Marco 3:27: “Nessuno può entrare nella casa dell’uomo forte e rubargli le sue masserizie, se prima non ha legato l’uomo forte”.

  • Apocalisse 20:10 dice che un giorno la guerra finirà: “Il diavolo . . . [sarà] gettato nello stagno di fuoco e di zolfo . . . e sarà tormentato giorno e notte, nei secoli dei secoli”. (Vedi Matteo 8:29; 25:41)

Resisti!

Giacomo dice: “Resistete il diavolo, ed egli fuggirà da voi” (Giacomo 4:7). Come possiamo farlo? Ecco come. Secondo Apocalisse 12:11: “Essi lo hanno vinto per mezzo del sangue dell’Agnello, e con la parola della loro testimonianza; e non hanno amato la loro vita, anzi l’hanno esposta alla morte”. Hanno fatto loro il trionfo di Cristo per mezzo del suo sangue. Hanno parlato di quella verità con fede. Non hanno avuto paura della morte. E hanno trionfato.

Il Nuovo Testamento pone l’accento sulla preghiera come strumento che accompagna ogni battaglia. “Prendete . . . l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio; pregate in ogni tempo, per mezzo dello Spirito, con ogni preghiera e supplica” (Efesini 6:17–18).

“Non fatevi ingannare da Satana. Dio vede dietro le linee nemiche e ci dice tutto quello che dobbiamo sapere per non ignorare le sue macchinazioni”.

Mentre la fine dell’età presente si avvicina, e Satana infuria, Gesù ci chiama alla preghiera da tempo di guerra: “Vegliate dunque, pregando in ogni momento, affinché siate in grado di scampare a tutte queste cose che stanno per venire, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo” (Luca 21:36). Anche Pietro fa un appello urgente alla preghiera da ultimi tempi: “La fine di tutte le cose è vicina; siate dunque moderati e sobri per dedicarvi alla preghiera” (1 Pietro 4:7).

Anche Gesù ha combattuto per noi contro il diavolo con l’arma della preghiera. Egli disse a Pietro in Luca 22:31–32: “Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano; ma io ho pregato per te, affinché la tua fede non venga meno”. Gesù ci illustra l’opposizione a una specifica minaccia satanica mediante la preghiera.

E, naturalmente, Gesù ci ha insegnato a fare della preghiera un’arma quotidiana per la protezione in generale: “Non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno” (Matteo 6:13). Ossia, liberaci dalle tentazioni del maligno che hanno successo. Combatti le macchinazioni del diavolo con la potenza della preghiera mirata e risoluta?

Nessun terreno neutrale

La domanda non è se vuoi essere coinvolto in questa guerra. Tutti lo sono. O sei sconfitto dal diavolo seguendo “il principe della potenza dell’aria” (Efesini 2:2) come un bue condotto al macello, o gli stai resistendo. “Resistetegli, stando fermi nella fede” (1 Pietro 5:9).

Non c’è nessun terreno neutrale. O trionfi “per mezzo del sangue dell’Agnello e della parola della tua testimonianza”, o sarai ridotto in schiavitù da Satana. Perciò, “sopporta anche tu le sofferenze, come un buon soldato di Cristo Gesù” (2 Timoteo 2:3), e “combatti la buona battaglia” (1 Timoteo 1:18). Non cessare di pregare!

Il Signore Gesù non è meno guerriero oggi di quanto lo fosse nei giorni antichi. Ti esorto di nuovo: Offriti a lui come soldato volontario del Principe di Pace e impara a dire: “Egli addestra le mie mani alla battaglia” (Salmo 144:1).


John Piper (@JohnPiper) è il fondatore e insegnante di desiringGod.org e rettore del Bethlehem College & Seminary. E’ stato per 33 anni il pastore della Bethlehem Baptist Church di Minneapolis, Minnesota. Ha scritto più di 50 libri, incluso A Peculiar Glory.