Quando la tua chiesa non è quella che hai sempre sognato

Fondare una chiesa può essere pericoloso per la tua anima.

Ovviamente ci sono lavori fisicamente più pericolosi al mondo, ma quando si tratta del pericolo di tipo spirituale, poche occupazioni sono più pericolose del “fondatore di chiese”. Prima di lasciare il tuo bel lavoro di asfaltatore stradale, permettimi di darti un onesto avvertimento di quello che ti aspetta.

La maggior parte delle persone è attirata dalla fondazione di chiese per alcuni motivi comuni:

  1. Per vedere persone lontane da Gesù mettere la loro fede in lui.

  2. Per vedere la loro città trasformata da una comunità di fede piena di vita.

  3. Per vedere nascere tutta una serie di chiese dalla loro nuova chiesa.

Questi obiettivi esaltano Cristo, entusiasmano, e per la maggior parte delle nuove chiese sono terribilmente lenti da raggiungere. Ecco perché non sono rimasto sorpreso quando di recente ho ricevuto da un fondatore di chiesa questa email contenente un’unica frase: “Voglio mollare tutto e ho bisogno che qualcuno mi faccia cambiare idea”.

Questa frase inquietante è stata scritta da un uomo appassionato e devoto che aveva scoperto la routine quotidiana della fondazione di chiese. Come moltissimi fondatori prima di lui, ha imparato a sue spese che poche persone fanno la fila per entrare nella tua nuova chiesa, ravvedersi dai loro peccati e buttarsi a capofitto nel ministero del vangelo. Piuttosto, le persone che inviti in chiesa ti guardano con occhi increduli quando dici loro che vi riunite nella palestra di una scuola primaria.

Quando un fondatore di chiese appassionato scopre la lenta e difficile routine della fondazione di chiese, gli idoli nascosti vengono facilmente svelati. Anche una santa ambizione può rivelare idoli nascosti.

Un Salvatore fedele  

Il vangelo che predichi ogni settimana a persone stanche è lo stesso vangelo di cui tu stesso hai estremo bisogno. Ti ricordo quello che già sai: Gesù non ti deluderà mai (anche quando sembra che ti abbia deluso).

Secondo i parametri del mondo, Gesù ha deluso i suoi discepoli. Egli aveva annunciato loro che se ne stava andando, ed essi stavano facendo i conti con la realtà che dovevano cavarsela senza di lui. Egli disse loro che avrebbero perso la loro famiglia spirituale e che sarebbero stati cacciati dalla sinagoga.

Come se non bastasse, Gesù era dispiaciuto perché c’erano molte altre cose che egli avrebbe voluto dire loro, ma che non poteva. Questa era una realtà nuova e spaventosa, ma egli sapeva che cosa i suoi discepoli avevano bisogno di sentirsi dire: “In verità, in verità vi dico che voi piangerete e farete cordoglio, e il mondo si rallegrerà. Sarete rattristati, ma la vostra tristezza sarà cambiata in gioia” (Giovanni 16:20).

In retrospettiva, sappiamo che Gesù sta parlando della sua morte, sepoltura, risurrezione e ascensione. Ma questa sua promessa è valida anche per le chiese che gli apostoli dovevano fondare e per le chiese che noi fondiamo 2.000 anni dopo.

Sarà difficile. Sarete rattristati.

La tristezza è intessuta nel mondo in cui viviamo, fondazione di chiese inclusa. Non sarà una passeggiata. I tuoi piani falliranno. Le persone ti deluderanno. La tua chiesa potrebbe non essere come vorresti che fosse, e probabilmente non sarà quella che avresti voluto. E questo rende quello che Gesù disse dopo ancora più glorioso: “Così anche voi siete ora nel dolore; ma io vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno vi toglierà la vostra gioia” (Giovanni 16:22).

Il tuo cuore si rallegrerà. Nessuno ti toglierà la tua gioia. Questo è vero per te come lo era per i discepoli. Vedrai Gesù, e l’effetto immediato sarà la gioia, una gioia vera e duratura che non potrà esserti tolta.

Nella fondazione di chiese, come nella vita in generale, si è capaci di provare gioia e dolore allo stesso tempo. Un momento provi gioia perché qualcuno ha conosciuto Cristo; il momento dopo devi fare una telefonata pastorale difficile.

Se fai dipendere il tuo benessere spirituale dalle tue circostanze, la tua vita sarà un saliscendi emotivo infinito. Non farlo.

Una speranza sicura

Gesù sa che questo è vero di noi. Egli sa che la vita in questo mondo—specialmente i nostri sforzi di farlo conoscere—porteranno tribolazione. Incontreremo difficoltà. Ma Gesù ci offre una pace duratura in un mondo tribolato: “Vi ho detto queste cose, affinché abbiate pace. Nel mondo avrete tribolazione; ma fatevi coraggio, io ho vinto il mondo” (Giovanni 16:33).

Solo in Cristo c’è pace. Pace nelle tempeste che fondare una chiesa porterà.

Mentre cerchi di fondare chiese che manifestano la gloria di Cristo, arriverà la tribolazione. Ma non scoraggiarti: Cristo ha vinto il mondo. Fondiamo chiese per portare questo messaggio glorioso al mondo. Desideriamo che molte persone abbiano gioia e pace in Cristo in questo mondo pieno di tribolazione.

Perciò fatti coraggio, e custodisci il tuo cuore. La missione di fondare chiese è gloriosa, ma non è la cosa più importante. Come per qualsiasi cosa che non sia Cristo, fondare chiese è un pessimo salvatore.

Se fondare la tua chiesa inizia a diventare più importante di Gesù per te, la solita routine diventerà una morte lenta. Quando dimentichi che Gesù non ti deluderà mai, sedie vuote sul parquet di una palestra possono accusare la tua anima e generare amarezza nel tuo cuore.

Ma quando alzi i tuoi occhi a Gesù, che è seduto alla destra del Padre, puoi ricordarti che sei amato. Egli non ti ha abbandonato. E non ti deluderà mai.


Noel Heikkinen è il pastore guida di Riverview Church nel distretto di Lansing (Michigan). Lui e sua moglie Grace hanno quattro figli. Noel è direttore del network U.S. Midwest di Acts 29. Puoi seguirlo su Twitter.

Il presente articolo è un’opera di elaborazione di traduzione di IMPATTO ITALIA. Il suo utilizzo totale o parziale è proibito in ogni forma previa richiesta e autorizzazione di Impatto Italia (impattoitalia@gmail.com). Il contenuto del presente articolo non è alterabile o vendibile in alcun forma.

© The Gospel Coalition, © IMPATTO ITALIA