Il silenzioso killer del matrimonio

La maggior parte delle coppie cristiane non inserirebbe la vergogna nella lista delle criticità maggiori nel loro matrimonio. Tuttavia, dopo quasi un decennio di consulenza matrimoniale, ho potuto constatare che ben pochi matrimoni non sono ostacolati dalla vergogna in qualche aspetto. Spesso non è la prima cosa a emergere, ma è alla base di molte altre difficoltà comuni, specialmente in ambito di comunicazione e di sesso.

Com’è possibile sapere se questo silenzioso killer del matrimonio è presente nella tua relazione? Esamina le seguenti domande di autovalutazione:

  1. Ci sono argomenti impossibili da affrontare perché tu o il tuo coniuge diventate troppo permalosi, vi mettete subito sulla difensiva o v’imbarazzate?

  2. Riesci a condividere cose imbarazzanti o combattimenti angosciosi con il tuo coniuge aspettando di ricevere in cambio empatia, o è più probabile che tu riceva ulteriore derisione o condanna?

  3. Parli apertamente dei tuoi fallimenti, passati e presenti?

  4. Il tuo coniuge è la prima persona alla quale ti rivolgi per ricevere sostegno, consolazione, o per gioire di qualcosa? Il tuo coniuge fa lo stesso con te?

  5. Quando affronti il peccato nel tuo coniuge, lo fai con delicatezza e umiltà come chi pecca a sua volta, o con l’atteggiamento di uno che non avrebbe mai peccato in quel modo?

  6. Ti senti a tuo agio nei rapporti sessuali?

  7. Condividi le tue emozioni con il tuo coniuge e viceversa?

  8. Quando tra di voi sorgono dei conflitti, siete in grado di risolverli o spesso vi bloccate perché uno di voi si isola ad oltranza?

  9. Condividete abitualmente tra di voi quello che Dio vi sta insegnando attraverso la sua parola, la chiesa e la vostra comunione personale con il Signore?

  10. Pregate insieme?

  11. Confessate i vostri peccati tra di voi quando ciò è necessario, tutte le volte che si presenta un peccato?

  12. Preferite non parlare per niente del peccato perché entrambi vi sentireste troppo a disagio?

Nessuno di noi ha un matrimonio perfetto, né dovrebbe aspettarsi che lo sia, ma ciò che troppo spesso nascondiamo è la presenza della vergogna — la paura di essere rifiutati se ci si espone agli altri. Il modo di combattere la vergogna, e di aiutarsi a guarire dalla vergogna, è di accettare il rischio di parlare apertamente delle cose che vorreste tenere nascoste tra di voi.

Aiuta il tuo coniuge a guarire

Possiamo esserci nascosti come fecero Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden, ma la speranza è che Dio copre la nostra vergogna e ci permette di aiutarci a coprire le vergogne gli uni degli altri. Se l’intimità matrimoniale redenta dev’essere nuda e senza vergogna (Genesi 2:25), il modo per avanzare verso questo scopo è diventare gli strumenti per la guarigione dalla vergogna l’uno verso l’altro.

Abbiamo la possibilità di fare questo per il nostro coniuge nel modo più efficace più di chiunque altro. Solo noi abbiamo l'occasione di vederli quando sono più vulnerabili, e di conferire grazia e compassione invece di giudizio e rifiuto. L'unico modo per fare questo tra di noi è sperimentare questa grazia che Dio ha per noi in Gesù Cristo.

In Cristo, ci rendiamo conto di essere nudi davanti a Dio — che tutti nostri sforzi per essere giusti, senza l'aiuto del suo Spirito, sono come abiti sporchi — ma che egli ci ha rivestiti della  giustizia perfetta di suo Figlio, l’uomo-Dio, in modo che non c’è più nessuna condanna né cosa che ci possa separare dall’amore di Dio (Romani 8:1, 38–39).

Specifica la vergogna

Incoraggiati dal vangelo e potenziati dallo Spirito, possiamo quindi rispecchiare questo rivestire e questa grazia che guarisce nei confronti del nostro coniuge. Possiamo iniziare specificando gli ambiti nei quali la vergogna ci ha impedito di godere un’intimità priva di vergogna nel nostro matrimonio.

Inizia da te. Dove hai fatto vergognare inconsapevolmente il tuo coniuge? Specificalo, e manifesta il tuo desiderio di essere un luogo di rifugio e di sicurezza per il tuo coniuge dalla vergogna anziché contribuire a essa.

Poi, con delicatezza e amore, parla di come ti sei sentito/a umiliato dal tuo coniuge, e fornisci qualche suggerimento pratico su come lui o lei possa migliorare nel diventare un rifugio sicuro per te. Per esempio, potresti iniziare con: “Ho capito di avere la tendenza a dare consigli prima di ascoltare quando parli con me di problemi di lavoro o che riguardano la casa. Penso che ciò ti porti a pensare che non sia sempre la persona giusta alla quale rivolgerti quando hai problemi. Voglio fare meglio — mi aiuti?”

Siete una squadra

Poi, potresti dire qualcosa del genere per parlare di come il tuo coniuge ti abbia fatto provare vergogna: “Quando disprezzi [la cena che ho preparato/o il mio aspetto/o il fatto di non essere stato una guida spirituale nel nostro rapporto], mi assalgono dubbi sul mio valore e sul tuo amore. So che non era questa la tua intenzione, ma è così che la mia lotta contro la vergogna distorce le tue parole. Sarebbe bello se tu mi aiutassi a combattere il senso di vergogna astenendoti da queste critiche e confermando il tuo amore per me. Sono perfettamente consapevole del problema, e voglio migliorare su questo aspetto, e la cosa che mi può aiutare di più è sapere che stai pregando con me e per me e che mi sostieni nella mia battaglia”.

Ricorda, tu e il tuo coniuge siete una squadra. Dio vi ha uniti nella relazione umana più intima di tutte, e un’intimità nuda e senza vergogna è ciò per cui egli ha creato il matrimonio.

Attraverso la potenza della grazia di Gesù Cristo, possiamo tendere sempre di più verso questo fine.


Heather Davis Nelson e suo marito sono genitori di due figlie gemelle e vivono nella Virginia sudorientale. E’ autrice di “Unashamed: Healing Our Brokenness and Finding Freedom from Shame” e cura il blog HeatherDavisNelson.com.