Cresceva costantemente di numero

Così la chiesa, per tutta la Giudea, la Galilea e la Samaria, aveva pace, ed era edificata; e, camminando nel timore del Signore e nella consolazione dello Spirito Santo, cresceva costantemente di numero”. Atti 9:31

Non sono contrario ai piani strategici, anzi, sono a favore. Hanno la loro ragione d’essere, per una questione di saggia amministrazione. Ma non possono generare gli sbalorditivi risultati descritti nel libro degli Atti.

Ricordo di aver ascoltato Michael Green al Congresso di Losanna sull’Evangelizzazione del mondo nel 1974. Egli ci chiese: Perché non troviamo in nessuna parte del libro degli Atti un piano strategico elaborato dall’uomo per evangelizzare il mondo? La sua risposta fu: Perché non ne avevano uno.

Che cosa avevano allora?  Due cose per principianti: il timore del Signore e la consolazione dello Spirito Santo.

Nel timore del Signore, essi erano disposti a farsi istruire, erano umili, ascoltavano il vangelo, erano aperti, grati e molto flessibili. Non avevano uno spirito di sicurezza di sé. Erano desiderosi di imparare, di crescere e di cambiare in qualunque modo il Signore volesse.

Nella consolazione dello Spirito Santo, erano allegri, si sentivano perdonati, erano riconciliati con Dio e tra di loro. Vedevano i loro peccati e i loro fallimenti, ma vedevano anche la ben più grande realtà di Gesù crocifisso per loro. Per dirla in modo secolare, non potevano credere alla fortuna che era loro capitata.  

Essere aperti a imparare in un mondo di sapientoni, essere consolati in un mondo arrabbiato: quel mondo antico non poté proprio resistere a questi poteri mandati dal cielo. La chiesa perciò non soltanto crebbe, si moltiplicò.

Quelle prime chiese non avevano nessun piano generale per il loro futuro, ma camminavano nel timore del Signore e nella consolazione dello Spirito Santo. E la cosa funzionò.

La crescita della chiesa richiede pianificazione. Bene, facciamola. La moltiplicazione della chiesa richiede però un miracolo. Lasciamo le porte aperte per quello che solo Dio può fare.


Ray Ortlund è pastore senior della chiesa Immanuel Church di Nashville (Tennessee) e membro del Consiglio Direttivo di The Gospel Coalition. Puoi seguirlo su Twitter.

Il presente articolo è un’opera di elaborazione di traduzione di IMPATTO ITALIA. Il suo utilizzo totale o parziale è proibito in ogni forma previa richiesta e autorizzazione di Impatto Italia (impattoitalia@gmail.com). Il contenuto del presente articolo non è alterabile o vendibile in alcun forma.

© The Gospel Coalition, © IMPATTO ITALIA